Biografia

Biografia

Sono Alexa Cesaroni nata nel 1972 in provincia di Roma, dove attualmente risiedo e lavoro. Sono diplomata all’Istituto d’Arte e laureata in Disegno Industriale all’Università “La Sapienza” di Roma.
Lavoro come pittrice professionista da circa 10 anni. Ho esposto in alcune gallerie tra Roma e Firenze e in spazi istituzionali di Roma e provincia.
Dipingo in stile figurativo, lavoro prevalentemente ad olio e pastello secco, realizzo dipinti unici e in serie.
La mia ricerca pittorica è riconducibile ai temi e al linguaggio del Mito, che traduco in dipinti dalle atmosfere fantastiche, simboliche o surreali.
Mi occupo anche di illustrazione, collaboro con la casa editrice “Edizioni Della Vigna” di Arese (MI), nel settore della narrativa fantastica. Realizzo illustrazioni per romanzi e racconti di scrittori di fantascienza italiani ed internazionali.

Dichiarazione d’artista

Il mio percorso pittorico è incentrato sulla ricerca della mia identità.
I miei dipinti sono i miei “luoghi”, dove spazio e tempo sono indefiniti. Sono luoghi in cui passato e futuro si intrecciano col presente, dove lo spazio si carica di atmosfere fantastiche, simboliche e surreali. I luoghi della mia identità.
La ricerca di questi luoghi avviene attraverso il mito, che uso per un bisogno di spiegare la realtà, l’ordine profondo della vita e della morte, di ciò che è accaduto, accade e accadrà. I luoghi sacri e il tempo ciclico del mito sono parte di un linguaggio costituito dalla parola e dal racconto. Nei miei dipinti interpreto il linguaggio del mito in immagini pittoriche, alla ricerca di un dialogo tra la mia identità e la realtà che mi circonda.
Dipingere il mito per me significa applicare le metafore mitologiche alle sfide della vita quotidiana, dando ad essa forma e ricchiezza. Un percorso di crescita personale.
Il mio stile pittorico è figurativo, i soggetti che dipingo trovano espressione in quadri unici o in serie. Approccio ai temi inizialmente in modo riflessivo, poi progettuale e nella parte realizzativa in modo più istintivo. Scelgo la fluidità dell’olio oppure il corpo asciutto del pastello, due tecniche agli antipodi per effetto finale ed esecuzione, ma entrambe dotate di una resa corposa del colori potente ed emozionante.
Come per la pittura le mie illustrazioni prendono vita dalle stesse tematiche sul mito ma trasportate nel futuro. La sacralità del mito lascia il posto ai sogni e agli incubi generati dallo sviluppo tecnologico, scientifico e sociale. Nelle mie illustrazioni l’elemento predominante è la fantascienza, che concilia razionale e irrazionale attingendo al meglio della narrazione mitologica, creando nuove collocazioni spazio-temporali degli eventi e delle relazioni umane. Penso che la fantascienza sia diametralmente opposta al mito e nello stesso tempo ne è un’evoluzione. Seguendo questa evoluzione realizzo le mie illustrazioni partendo da un lavoro pittorico o disegnato, per poi avvalermi del supporto digitale, una sorta di mito contemporaneo.

Alexa Cesaroni


About me

I’m Alexa Cesaroni born in 1972 in the province of Rome, where I currently live and work.
I graduated from the Art Institute and graduated in Industrial Design at the “La Sapienza” University of Rome.
I work as a professional painter for about 10 years. I have exhibited in some galleries between Rome and Florence and in institutional spaces in Rome and in the province.
I paint in a figurative style, working mainly in oil and dry pastel and I make unique and serial paintings.
My pictorial research moves from themes and the language of Myth which I translate into paintings with fantastic, symbolic or surreal atmospheres.
I also work as illustrator, creating illustrations for novels and stories by italian and international science fiction writers.

Artist Statement

My pictorial work is focused on the search for my identity.
My paintings are my “places” where space and time are indefinite. Places where past and future intertwine with the present, where space is full of fantastic, symbolic or surreal atmospheres. The places of my identity.
The search for these places happens through the myth that I use for a need to explain reality, the deep order of life and death, what happened, what happens and will happen. The myth has no time and has no space. The sacred places and the cyclical time of myth are part of a language made up of the word and the tale. In my paintings I interpret the language of myth in pictorial images, in search of a dialogue between my identity and the reality that surrounds me.
F
or me to paint the myth means to apply mythological metaphors to the challenges of everyday life, giving it form and wealth. A path of personal growth. My pictorial style is figurative, the subjects I paint find expression in singles paintings or in series.
I approach to the themes initially in a reflective way, then projectual way and in the realization part in a more instinctive way.
I choose the fluidity of the oil or the dry body of the pastel, two techniques at the antipodes for the final effect and execution, but both have a full-bodied yield of powerful and exciting colors.
As for painting, my illustrations come to life from the same themes about myth but transported into the future. The sacredness of myth gives way to dreams and nightmares generated by technological, scientific and social development. In my illustrations the predominant element is science fiction, which compound rational and irrational, tap into the best of the mythological narration, creating new space-time collocations of human events and relationships. I think that science fiction is diametrically opposed to myth and at the same time it is its evolution. Following this evolution I realize my illustrations starting from a pictorial or drawn work, to then avail myself of the digital support, a sort of contemporary myth.

Alexa Cesaroni

UA-4945803-21